non preoccuparti, ci sono qua io -fino a che non scade il contratto-

                                  

Si ricomincia.

Domani un nuovo inizio : nuova sede, nuove conoscenze,

nuove abitudini.

Ogni volta è mettersi in gioco, farsi conoscere e quando

ti apprezzano, si abituano e  ti abitui ecco che scade il contratto

e devi ricominciare da capo.

Sono consapevole che la cosa importante è avercelo, il lavoro,

ma non nego che speravo in un nuovo periodo nella stessa sede

con gli stessi bambini, che mi cercano, chiamano per nome,

che mi conoscono.

Io sono pronta, benché delusa, ad affrontare questo cambiamento

ma sorge in me una domanda: i bambini si ritrovano ogni tre,

quattro mesi a cambiare  “tata”, a fidarsi di una persona nuova che

conosce le loro abitudini e mi rivolgo virtualmente a loro:

piccolo Mohamed, che vuoi essere chiamato topolino,

piccolo Mattia, che porti ancora il pannolino,

piccolo Gabriel che ti vergogni a fare la cacca e vuoi

che mi nasconda finchè non hai finito,

piccola Delia, che mi racconti i tuoi “affari di famiglia” con occhi

sgranati … e a tutti gli altri che si sono affezionati alla mia presenza:

ci sarà qualcun altro ad occuparsi di voi, sperando che abbia

la sensibilità di capirvi.

Mi rivolgo agli adulti:

c’è tutela nel cambiamento periodico di una figura che entra in

contatto anche in momenti intimi del bambino?

Aspetto le vostre opinioni …

 

non preoccuparti, ci sono qua io -fino a che non scade il contratto-ultima modifica: 2010-01-17T09:48:40+00:00da corinn3
Reposta per primo quest’articolo

15 pensieri su “non preoccuparti, ci sono qua io -fino a che non scade il contratto-

  1. Cia Corinne,
    i bambini fanno presto ad affezionarsi ma non dimenticano facilmente e una come te le fa loro da tata, si affeziona ancora di più, quindi cambiare in continuazione ti fa stare male. Lo so è un lavoro, ma sarebbe più bello da un punto di vista affettivo e educativo, rimanere sempre nel solito posto. Non so come funziona il tuo lavoro e da chi ti viene dato, ma chi lo organizza dovrebbe pensare a questi problemi che si ripercuotono sui bambini.
    Un abbraccio e buona serata domenicale.
    Nadia

  2. Ciao Corinne eccomi tornata ad augurarti buon anno…in risposta al tuo commento da me, ti dico che l’amore per me è il sale della vita e cemento del mondo…quando manca sono tristezze.
    …Quanto al quesito che poni, io penso che a quell’età i bambini non abbiano il senso dell’intimità, questo arriverà dopo – grazie agli adulti – ma per fortuna al tempo sapranno gestirsi da soli. Il problema sarebbe l’affezione alla maestra e spiegare loro perché non c’è più perché nn abbiano dispiacere. I contratti purtroppo sono strumenti economici e poco emotivi…
    ..Un bacio e buona settimana, sperando che tutto si risolva al meglio per loro e per te….ciao

  3. Io non sono una psicologa infantile ma credo che i bambinisoffrano non poco per questi cambiamenti repentini delle loro figure di riferimento…

    La mia schiena va un pochino meglio, ma non voglio esagerare stancamdomi troppo, quindi ti lascio un abbraccio e tu auguro buona settimana!

  4. @mammola
    sono di nuovo io, mammola, oltre che salutarti, cosa peraltro sempre piacevole, vorrei approfondire il tuo gradito commento, quello che hai detto è vero, però aggiungo, per esperienza, che i bambini hanno un loro senso del pudore, ad esempio non amano farsi pulire il sederino da qualcuno che non è conosciuto da loro…e questo secondo me è importante.
    oggi ho avuto la mia prima esperienza coi lattanti: bella, anche se distruttiva fisicamente…ma non sono riuscita a imboccarne uno, perchè sono abituati ad altre persone che non ci sono più. era solo quello il mio disappunto, piccola amica, ovviamente si abitueranno, ma io sono sempre più convinta che essi hanno bisogno di continuità, per imparare, stare sereni nel loro “nido”.
    ciao mammola…un carissimo saluto.

  5. E’ una strutturazione completamente sbagliata. Non dovrebbero permettere che questo accada…ma non sono sicuro che non se ne siano resi conto. Poi vantano tali interessi a difesa dei bambini…

    Auguri di cuore per un lavoro stabile.

Lascia un commento