alda merini

                             A tutte le donne   Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso sei un granello di colpa anche agli occhi di Dio malgrado le tue sante guerre per l’emancipazione. Spaccarono la tua bellezza e rimane uno scheletro d’amore che però grida ancora vendetta e soltanto tu riesci ancora a piangere, poi ti volgi e vedi ancora i tuoi … Continua a leggere

un’altra data da non dimenticare

E’ sempre presto per l’ultimo viaggio, impavido l’hai affrontato. Noi non siamo migliori per essere rimasti, ma solo incoscienti. Possa la tua essenza librarsi libera nell’aria, nei boschi, sui mari e nei cieli rossastri. Quando rugiada tornerai o, semplice soffio, vibra ancora un istante, l’istante che racchiuderà una nostra consapevolezza. L’avorio velo, in adagio, non ha colpa. Le gentili pieghe … Continua a leggere

27 gennaio, giorno della memoria, memoria di quei giorni

Dal diario di Etty Hillesum   …Quando prego non prego mai per me stessa. Prego sempre per gli altri, oppure dialogo in modo pazzo, infantile o serissimo con la parte più profonda di me, che per comodità chiamo “Dio”. E questo probabilmente esprime meglio il mio amore per la vita: io riposo in me stessa. E quella parte di me, … Continua a leggere